n. 147847
visite al
28.08.16
 
Dati personali
Regione di elezione: Marche
Residenza: Senigallia
Professione: Docente univ. di Istologia
Elezione a senatore: 25 febbraio 2013
Gruppo: PD - Scheda
Incarichi istituzionali
E' membro
- del Consiglio di Presidenza del Senato
- della IV Commiss. permanente(Difesa)
- della Commiss. straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani
Incarichi politici:
- Membro della Direzione naz. PD
- Responsabile PD per
La Tutela e la salute degli animali

Impegni istituzionali
settimanali

40 giornalisti precari de Il Messaggero di Ancona rischiano il posto
La redazione di Ancona de Il Messaggero, l'ultima rimasta nelle Marche, sta per chiudere e da luglio oltre 40 giornalisti precari perderebbero il loro impiego.
Solo i redattori potranno essere ricollocati in altre redazioni del centro Italia di proprieta' della Caltagirone Editore mentre per gli altri professionisti con rapporti di lavoro meno garantiti non e' prevista alcuna forma di tutela.
Ho presentato un'interrogazione rivolta al presidente del Consiglio dei ministri, Matteo Renzi, in cui chiedo di sapere:
- se il Governo sia a conoscenza di tale problema
- quali misure o iniziative di sua competenza ritenga opportuno mettere in atto per tutelare i diritti e le professionalita' dei giornalisti precari della testata.

Il testo dell'interrogazione


Contrastare possibili infiltrazioni malavitose nel territorio marchigiano
La famiglia pescarese De Nicola, sotto inchiesta per bancarotta e truffa ai danni dell'erario e dell'INPS, e' titolare della casa di cura Stella Maris di San Benedetto. Per tale azienda e' in corso una istanza di ammissione al concordato preventivo e i dipendenti non percepiscono lo stipendio da oltre sei mesi.
La societa' Neuromed, di proprieta' della famiglia Patriciello, ha chiesto di poter finanziare, con la somma di 800 mila Euro, la societa' dei De Nicola nell'ambito della procedura concorsuale in corso.
La stampa locale (tra cui il Resto del Carlino) ha riportato che il titolare della Neuromed, Stefano Patriciello, sarebbe sotto inchiesta per corruzione con l'aggravante mafiosa.
Ho sottoscritto un'interrogazione, presentata dal collega Francesco Verducci e rivolta ai ministri dell'Interno Angelino Alfano e della Salute Beatrice Lorenzin, in cui si chiede di sapere:
- se il Governo sia a conoscenza dell'assetto societario delle aziende citate;
- se si intenda porre in essere ogni iniziativa preventiva volta a contrastare possibili infiltrazioni malavitose nel territorio marchigiano, per il tramite di operazioni finanziarie e societarie;
- quali iniziative si intende promuovere per verificare l'adeguatezza dei livelli di assistenza forniti ai pazienti della Casa di Cura Stella Maris, valutare il corretto utilizzo delle risorse pubbliche ricevute, garantire i livelli occupazionali.

Il testo dell'interrogazione


Una petizione contro l'uso sistematico e preventivo di antibiotici negli allevamenti intensivi

Negli allevamenti intensivi c'e' un uso sistematico e preventivo di antibiotici. E' opportuno che il ministero della Salute si attivi per realizzare un monitoraggio di dati con un controllo della loro attendibilita', e un piano obbligatorio di riduzione del consumo di antibiotici negli allevamenti italiani. Segnalo che la CIWF Italia ha lanciato una petizione sull'argomento. Nessun interesse commerciale deve venire prima della salute dei cittadini.

Resistenza agli antibiotici

Petizione on line


Riconosciuto il ruolo dell'Italia
nella campagna di sminamento

Dalla Colombia al Sudan alla Libia, attraverso programmi specifici di cooperazione, l'Italia fa la sua parte per eliminare la minaccia delle mine nel mondo. In Colombia squadre di sminatori finanziati da UNMAS e dal governo italiano hanno ripulito quasi ottomila metri quadri di territorio proteggendo 600 residenti. Per il Sudan un contributo di un quarto di milione di euro disposto all'inizio dell'anno liberera' 900 mila metri quadri di territorio nella regione del Kassala e provvedera' ad educare cinquemila persone per fronteggiare e ridurre tale pericolo.

Il resoconto su OnuItalia.com


Fermare il conflitto in Darfur

Il conflitto in Darfur, a 13 anni dal suo inizio, non cessa di fare vittime e le violazioni dei diritti umani in Sudan proseguono impunemente.
Ho sorroscritto un'interrogazione presentata da Luigi Manconi, presidente della Commissione Diritti Umani, in cui si chiede di sapere:
- se e quali iniziative il Ministro in indirizzo intenda intraprendere, visti i considerevoli rapporti diplomatici ed economici con il Sudan, per chiedere conto al Governo sudanese della recrudescenza dell'azione militare nell'area del Jebel Marra;
- se, attraverso i rapporti diplomatici, si possa favorire la ripresa dei colloqui di pace e la cessazione dei bombardamenti e delle ostilita'.

Il testo dell'interrogazione


Una mozione riguardante la sperimentazione "Opzione donna"

Il regime sperimentale "opzione donna" e' una misura introdotta dall'articolo 1, comma 9, della legge 243/2004, e offre la possibilita' di conseguire il diritto all'accesso al trattamento pensionistico di anzianita' alle lavoratrici che abbiano un'anzianita' totalmente contributiva pari o superiore a trentacinque anni e un'eta' pari o superiore a 57 anni per le lavoratrici dipendenti, e a 58 anni per le lavoratrici autonome.
Con le circolari nn. 35 e 37 del 2012, l'INPS applica a tale regime sperimentale un elemento ulteriore stabilendo che, per l'accesso al trattamento pensionistico anticipato, al requisito anagrafico dei 57 anni per le lavoratrici dipendenti e 58 per quelle autonome, si introduce l'incremento di 3 mesi legato all'aumento dell'aspettativa di vita.
Ho sottoscritto una mozione presentata dalla collega Erica D'Adda che impegna il Governo ad assumere le iniziative normative necessarie affinche' gli eventuali risparmi economici derivanti dall'attuazione della sperimentazione "opzione donna" vengano utilizzati in modo certo per le lavoratrici dipendenti nate nell'ultimo quadrimestre del 1958.

Il testo della mozione


Prevenzione e repressione della tratta degli esseri umani

La tratta di esseri umani non solo costituisce una seria violazione dei diritti fondamentali, ma e' anche una delle attivita' piu' lucrose delle reti della criminalita' organizzata transnazionale. L'Italia dispone di un articolato sistema antitratta, rafforzato dal recente recepimento della Direttiva 2011/36/UE. I dati forniti dalle autorita' italiane ad Eurostat per il Rapporto del 2014 sul tema (pubblicato la settimana scorsa) evidenziano che il numero di condanne per reati di tratta e' incredibilmente esiguo. Il problema e' stato recentemente segnalato anche dallo Special Rapporteur delle Nazioni Unite e dal Gruppo di esperti contro la tratta di esseri umani (GRETA) del Consiglio d'Europa . Garantire l'efficacia dell'azione penale costituisce uno degli strumenti fondamentali per la repressione e la prevenzione del fenomeno. Su questo tema ho predisposto un'interrogazione ai ministri dell'Interno, Angelino Alfano, e del Lavoro Giuliano Poletti.

Il testo dell'interrogazione


Via libera definitivo dell'Aula del Senato al ddl sull'omicidio stradale

Il DDL sull'omicidio stradale, ormai arrivato alla quinta lettura, e' stato finalmente approvato dall'Aula di Palazzo Madama ed e' quindi legge. Diventano articoli autonomi del codice penale quelle fattispecie che finora sono state previste solo sottoforma di aggravante dei reati di omicidio colposo e di lesioni personali colpose. Per l'omicidio stradale potranno essere comminate pene fino a 12 anni, con particolari aggravanti per chi si da' alla fuga o guida senza patente o assicurazione. Per lesioni stradali - gravi o gravissime - la pena puo' arrivare fino a 7 anni, anche in questo caso con aggravanti omologhe a quelle per l'omicidio. Come pena accessoria resta la revoca della patente che, nei casi piu' gravi, potra' arrivare fino 30 anni. Prescrizione raddoppiata per i nuovi reati.

Una sintesi del provvedimento


Approvato il divieto di pignoramento degli animali d'affezione o da compagnia

Con l'approvazione dell'emendamento del Governo che introduce l'impignorabilita' degli animali d'affezione, si supera oggi un'anacronistica crudeltà, colmando una lacuna normativa.
La modifica all'articolo 514 del codice di procedura civile e' stata approvata giovedi' 17 settembre, nel corso dell'esame del Ddl 1676 in Commissione Territorio, Ambiente, Beni Ambientali. Il testo, che modifica dell'articolo 514, primo comma, del codice di procedura civile, diventa:
dopo il numero 6) sono inseriti i seguenti:
- 6-bis) gli animali di affezione o da compagnia tenuti presso la casa del debitore o negli altri luoghi a lui appartenenti, senza fini produttivi, alimentari o commerciali;
- 6-ter) gli animali impiegati ai fini terapeutici o di assistenza del debitore, del coniuge, del convivente o dei figli.

Il testo del DDL 1676




Nell'Ufficio di Presidenza del Senato,
durante l'attività parlamentare

FOTO

Presentata in Senato un'eccellenza
della ricerca accademica delle Marche
Martedi' 5 luglio in Senato abbiamo avuto un'altra importante occasione per valorizzare e diffondere le eccellenze della Regione Marche.
E' stato presentato il libro "Neuroeconomia ..Neurofinanza. I correlati neurali del Direct Access Trading" alla presenza della vicepresidente del Senato Valeria Fedeli, degli autori della ricerca, GianMario Raggetti e Maria Gabriella Ceravolo, docenti dell'Universita' Politecnica delle Marche, Enrico Bondi, Dirigente d'azienda, Nicola Mercuri, Neurologo, Girolamo Crisi, Direttore Dipartimento Neuroscienze dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma.
La neuroeconomia e la neurofinanza, gia' materie curricolari in diversi paesi, si trovano all'intersezione di discipline differenti e ne fanno convergere i contributi per risolvere l'enigma di come il cervello prende decisioni. Ricerche affascinanti, che offrono anche un importante contributo all'analisi di temi estremamente attuali, come il comportamento dei mercati. Alcuni strumenti di ultima generazione per le risonanze permettono oggi diagnosi non invasive, con significativi benefici in termini di salute dei pazienti. Gli stessi strumenti, sarebbero anche necessari allo sviluppo delle ricerche menzionate. Mi auguro, quindi, che Ospedali Riuniti di Ancona possa dotarsene presto, in modo da rafforzare la cultura della prevenzione fra i cittadini e, contemporaneamente, valorizzare la ricerca d'avanguardia della nostra Regione.

Fotografie - Scheda del libro


Approvata dalla Commissione Esteri la risoluzione
sulle mine antiuomo
Mercoledi' 6 luglio la Commissione affari esteri ha approvato lo schema di risoluzione, che prende spunto dal World Humanitarian Summit organizzato dall'ONU ad Istanbul lo scorso maggio. La risoluzione ricorda che l'Italia rappresenta nel settore un Paese leader a livello internazionale, sul piano sia delle attivita' di cooperazione che delle buone pratiche interne, come dimostra il fatto che, per il biennio 2016-2017, e' stata chiamata a ricoprire il ruolo di presidente del Mine Action Support Group, organismo che, in sede ONU, coordina i programmi di sminamento umanitario a livello internazionale.
La risoluzione, da me promossa in collaborazione con la Campagna Italiana Antimine, impegna il Governo, tra l'altro, a promuovere l'universalizzazione e la compiuta implementazione della Convenzione di Ottawa sulle mine antiuomo e della Convenzione di Oslo sulle munizioni a grappolo.
Il Governo e' anche impegnato a valutare l'opportunita' di intraprendere misure che consentano di stabilizzare una dotazione adeguata del Fondo per lo sminamento umanitario, in modo da rendere possibile una migliore pianificazione delle attivita' in questo settore.

Il testo della risoluzione


Riallineare la Protezione Civile ad un contesto
profondamente cambiato

Il territorio italiano ha ancora forti elementi di criticita' e fragilita' dovuta non solamente a fenomeni naturali ma dall'azione dell'uomo. Il sistema di protezione civile che non e' perfettamente o per nulla integrato con il sistema di sussidiarieta' territoriale. I livelli di organizzazione delle varie regioni e' molto disomogeneo, e che questo impone alla Protezione Civile centrale una funzione spesso sostitutiva.
Ho sottoscritto l'ordine del giorno presentato dalla collega Daniela Valentini che impegna il Governo a inserire nei decreti attuativi della delega ricevuta:
- i compiti di formazione ed informazione dei cittadini;
- l' emanazione, nei tempi previsti dalla presente legge, della "Carta dei Diritti dei cittadini colpiti da calamita' naturali".

Il testo dell'ordine del giorno


Le condanne a morte dei tribunali militari italiani
nella Prima guerra mondiale

Sappiamo che nel corso della Prima guerra mondiale i tribunali militari italiani condannarono a morte per diserzione e altri reati analoghi circa 4000 soldati. 750 di costoro furono effettivamente fucilati, ai restanti la pena venne commutata. Molti furono uccisi per decisione arbitraria di ufficiali e sottufficiali o scelti tirando a sorte, quando i colpevoli dei "reati" non venivano individuati.
Mercoledi' 6 luglio in Commissione difesa, in relazione all'esame del DDL n.1935 recante Disposizioni concernenti i militari italiani ai quali e' stata irrogata la pena capitale durante la prima Guerra mondiale, si sono svolte le audizioni del prof. Antonino Intelisano, gia' procuratore generale militare, del dott. Marco De Paolis, procuratore militare e del col. Antonino Zarcone, gia' componenti del Comitato tecnico-scientifico per la promozione di iniziative di studio e ricerca sul tema del cosiddetto "fattore umano" nella Grande Guerra.
Sono emersi alcuni punti critici del testo all'esame della Commissione. Al termine delle audizioni sono intervenuta per richiamare l'attenzione su alcuni dei temi trattati e per sottolineare l'importanza di tenere nella dovuta considerazione alcune differenze fra i casi in esame, come l'effettivo riscontro di prove durante lo svolgimento dell'eventuale processo.
La giustizia militare italiana fu molto piu' rigida di quella di altre nazioni combattenti. Delle 1787 condanne a morte emesse in contumacia per diserzione e passaggio al nemico, una sola risulta davvero corroborata da prove.
Ci fu anche il caso dell'artigliere di Castelfidardo Alessandro Ruffini, di 23 anni, fucilato sul posto il 3 novembre 1917 a Noventa Padovana per ordine del Generale Graziani perche', sfilando di ritorno col reggimento dal Carnia, non si tolse il sigaro dalla bocca.
Un caso paradigmatico, perche' riassume in se' le centinaia di esecuzioni sommarie compiute, e singolare, perche' per la sua crudelta' fu riportato nel 1919 da L'Avanti! e fu oggetto di due interrogazioni parlamentari.

Il testo del DDL


Presentato al Senato il Regolamento sulla firma digitale
Giovedi' 30 giugno in Senato ho organizzato la conferenza di presentazione del Regolamento europeo sulla firma digitale che e' in vigore ed e' applicabile dal 1 luglio 2016 in tutti gli Stati membri. Questa importante innovazione rende possibile la gestione totalmente dematerializzata dei documenti. L'Italia gia' dispone di norme avanzate e potra' quindi beneficiare fin da subito delle opportunita' che si aprono. Un'innovazione fondamentale, che ho sostenuto con convinzione gia' dal 2013, avendo seguito con impegno e costanza i lavori sui regolamenti per la firma digitale. Non solo si rafforza la trasparenza e il rapporto fiduciario fra cittadini, imprese ed istituzioni, ma si risparmia in termini di tempo, impatto ambientale e costi delle procedure. Si stima che la digitalizzazione consentira' di risparmiare circa 200 miliardi di euro l'anno, di cui 43 per la sola pubblica amministrazione. Inoltre la diffusione dell'identificazione digitale e' un'opportunita' importantissima per predisporre strumenti alternativi per coloro che non possono sottoscrivere i documenti di proprio pugno, garantendo quindi la tutela della privacy e l'autonomia.

Locandina dell'iniziativa - Fotografie

Testo del Regolamento europeo 910/2014

Diapositive utilizzate dai relatori:
dr. Stefano Arbia - dr. Elio Gullo - dr. Antonio Samaritani

Rassegna stampa
L'Unita (Silvana Amati) - Corriere della sera (Alessio Lana)
Sole24Ore (B.Sa. - A.Mastr.) - Corriere Comunicazioni (F. Me.)


Staffetta parlamentare sui femminicidi

Mercoledi' 29 giugno, con un intervento di fine seduta della collega Maria Cecilia Guerra, ha avuto inizio in Senato, la staffetta con cui, assieme a tante altre senatrici, ricorderemo ogni donna che verra' uccisa per mano di un uomo a cui e' o e' stata legata da relazione amorosa.
Lo faremo fino a che sara' necessario ricordare al Parlamento e al nostro Paese l'urgenza di arginare la violenza nei confronti delle donne.

Il testo dell'intervento


Finalmente la legge contro il negazionismo
Con l'approvazione definitiva del DDL sul negazionismo, di cui sono prima firmataria, il Parlamento ha finalmente introdotto sanzioni verso chi nega o minimizza accertati crimini di genocidio. Un atto fondamentale per contrastare concretamente atti che continuano a ispirate, o persino a sollecitare e incoraggiare, le azioni di gruppi razzisti, xenofobi e antisemiti.
E' quindi una grande soddisfazione aver ottenuto questo risultato, frutto di un lavoro lungo e complesso, iniziato gia' nel corso della precedente legislatura.

L'articolo di Silvana Amati su L'Unita'

La dichiarazione di Renzo Gattegna su Pagine Ebraiche


Concluse le sterilizzazioni dei randagi al "CARA Mineo"
Si e' chiusa l'11 giugno, con un pieno successo, l'operazione "CARA Mineo" promossa dall'Ente Nazionale Protezione Animali con l'obiettivo di sterilizzare, vaccinare, prestare assistenza ai randagi che vivono nel Centro di Accoglienza Richiedenti Asilo di Mineo (Catania).
Sino a pochi anni fa la popolazione canina del CARA, la piu' grande struttura di accoglienza in Europa con ben 4mila migranti e con una superficie di 253mila metri quadrati, era composta soltanto da quattro animali, entrati chissa' come nel centro. Poi, con il tempo, il loro numero e' aumentato senza sosta fino a raggiungere gli attuali 80 esemplari.
Era urgente intervenire e occorreva farlo subito, prima che la situazione potesse sfuggire di mano, diventando ingestibile. Per questo, Enpa ha schierato sul posto una task force formata da ben 20 volontari.
"Siamo intervenuti per sanare una situazione divenuta insostenibile", ha dichiarato la Presidente Nazionale di Enpa Carla Rocchi, "e per contenere il randagismo all'interno del centro per richiedenti asilo e nel territorio di Mineo. Se non sterilizzati, i cani si riprodurranno in maniera esponenziale determinando una emergenza gravissima e una situazione in cui il benessere animale non e' tutelato. Con la nostra missione, alla quale ha dato un contributo preziosissimo la senatrice PD Silvana Amati, avviamo una collaborazione con la Prefettura, con il Comune di Mineo e con la Direzione del CARA grazie alla quale il controllo del randagismo sara' continuo e costante anche in futuro".

Fotografie - Comunicato stampa e dati


A due anni dall'alluvione, il lavoro per concretizzare
l'erogazione dei contributi per la fase 2 dell'emergenza

Nel secondo anniversario dei drammatici eventi alluvionali che hanno colpito la nostra citta', torno a fare il punto della situazione sulla base delle informazioni ora disponibili.
Rispondo, cosi', anche al Consigliere comunale Sartini, al quale peraltro avevo gia' risposto, e che potra' collaborare alla riuscita di questa difficile impresa attraverso i canali che sapra' anche lui mettere in campo, se ritiene, nel rapporto con il Governo e con le istituzioni coinvolte. Ogni collaborazione istituzionale e' certamente utile, se si lavora per il comune obiettivo di trovare soluzioni concrete ai problemi della gente.
Sono stata fin da subito e sono ancora capofila e coordinatrice dei senatori e deputati del mio Partito che, nei mesi scorsi, hanno chiesto con costanza al Governo di reperire le risorse necessarie a far fronte anche alla fase 2 delle emergenze. Continuo a seguire con determinazione l'iter, tenendomi quotidianamente in contatto con tutte le istituzioni coinvolte.
Come e' ormai noto, con la Legge di Stabilita' e' stato identificato uno stanziamento una tantum di 1.5 miliardi di euro per la fase 2 delle emergenze. Queste risorse sono destinate ai cittadini e alle imprese, sulla base delle ricognizioni dei fabbisogni completate, come nel caso di Senigallia, per le emergenze riconosciute dal 2013 a livello nazionale.
Si parla di finanziamento agevolato perche' Governo e ABI sottoscriveranno un'apposita convenzione e i contributi saranno erogati direttamente dalle banche. Una scelta che dovrebbe rendere piu' facile l'erogazione delle risorse, non dovendo transitare nei bilanci delle pubbliche amministrazioni interessate o richiedere ulteriori adempimenti burocratici.
Il procedimento e' articolato e complesso, ma e' stato gia' efficacemente testato nel processo di ricostruzione dopo il sisma dell'Emilia del 2012. Gli Uffici della Protezione Civile nazionale, su richiesta diretta, hanno nuovamente confermato che il cittadino e l'impresa che beneficeranno del contributo non dovranno, naturalmente, restituire nulla. Sara' lo Stato a rimborsare il finanziamento direttamente alle banche, attraverso il credito di imposta.
Gli stessi Uffici, la scorsa settimana, hanno incontrato i rappresentanti del MEF, che dovranno ora stabilire i criteri di gestione del meccanismo. Una volta concluso il lavoro, il Consiglio dei Ministri ripartira' la cifra stanziata in misura proporzionale ai danni rappresentati nelle ricognizioni dei fabbisogni, definendo il tetto massimo delle risorse destinabili a ciascuno dei contesti emergenziali.
Sulla base di questa ripartizione, secondo la procedura prevista, i Commissari delegati dovrebbero poi essere chiamati a trasformare le ricognizioni effettuate in veri e propri elenchi di beneficiari, che possano recarsi in istituti bancari identificati per ricevere il finanziamento a loro spettante. Come gia' chiarito, sara' naturalmente lo Stato, non il beneficiario, a rimborsare il finanziamento alla Banca.
Ci sono ancora aspetti operativi che il MEF sta approfondendo in questi giorni, alcuni dei quali sollevati dalla protezioni civile, altri dalle istituzioni locali ed altri ancora dagli stessi cittadini danneggiati.
Sono consapevole del fatto che, per chi ha subito un danno, e' importante avere una risposta precisa. Appena le procedure saranno del tutto concluse e la delibera di merito assunta dal Consiglio dei Ministri, sara' mia cura darne tempestiva comunicazione.
Silvana Amati
4 maggio 2016

L'articolo su SenigalliaNotizie.it


20 aprile 2016
Biblioteca del Senato
A N M I L
Tour per la sicurezza
sul lavoro


19 aprile 2016
Senato della Repubblica
Bio Balance: la prima
area di farmacologia clinica
a misura di donna


Torino a misura di cani e gatti.
Ora il "Garante degli animali"

Lunedi' 18 aprile a Torino ho partecipato all'iniziativa "Modello Torino - Gli animali nel cuore", organizzata dal Comitato elettorale Piero Fassino 2016 in collaborazione con l'ENPA.
Presenti all'incontro Carla Rocchi, presidente dell'Enpa, il responsabile della sezione di Torino e presidente del consiglio nazionale dell'Enpa Marco Bravi, l'assessore al verde Enzo Lavolta. Lavolta ha fatto il punto sulla condizione dei canili, visitati anche dai giornalisti di Striscia la notizia che non hanno rilevato alcuna nota negativa. Il canile rifugio e quello sanitario saranno riuniti in una sola struttura in via Cuorgne'.

Fotografie: 1 - 2


Programma dei lavori

Fotografie - Comunicato stampa


5 aprile 2016
Senato della Repubblica

Norme per la
Parita' di Genere:
dalla Legge Nazionale alle Leggi Elettorali Regionali


Solo garantendo la possibilita' di ricorrere alla 194
su tutto il territorio nazionale si puo'contrastare
la pratica dell'aborto clandestino

All'inizio dell'anno sono state depenalizzate alcune fattispecie di reato, sostituendole con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro.
Il fatto, di per se' positivo, colpisce anche la pratica dell'aborto clandestino, che puo' essere punito fino a 10.000 euro di multa se non si rispetta la disciplina della legge 194/78.
Va pero' sottolineato come nel nostro paese il fenomeno dell'aborto clandestino sia causato dell'applicazione, troppe volte "carente", della legge 194. Si pensi soltanto che in tutte le regioni la percentuale di ginecologi obiettori e' superiore al 50 per cento, ma vi siano regioni, come Sicilia o Campania, in cui queste percentuali superino l'80 per cento. Solo il 60 per cento delle strutture abilitate pratica regolarmente l'interruzione volontaria della gravidanza. Ho sottoscritto un'interrogazione presentata dalla collega Laura Puppato e rivolta ai ministri della Giustizia Andrea Orlando e della Salute Beatrice Lorenzin, in cui si chiede di sapere:
- se il ministro della Giustizia non intenda modificare la misura della sanzione amministrativa pecuniaria inflitta alla donna che ricorra ad interruzione volontaria della gravidanza (IVG) in violazione delle disposizioni della legge 194/1978;
- se il ministro della Salute non ritenga di dover intervenire con la massima urgenza al fine di garantire la piena applicazione della 194 sull'intero territorio nazionale, visto che l'impossibilita' di fatto per le donne di accedere alle prestazioni di IGV rende l'Italia passibile di condanna da parte della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo.

Il testo dell'interrogazione


Appuntamenti

Martedi' 5 Luglio 2016
ore 11.30
Senato della Repubblica
Sala Caduti di Nassirya
Piazza Madama, 11
Roma
 
Neuroeconomia..Neurofinanza
I correlati neurali del
Direct Access Trading
Per saperne di più

 
Giovedi' 30 Giugno 2016
ore 11.30
Senato della Repubblica
Sala Caduti di Nassirya
Piazza Madama, 11
Roma
 
Sistemi di identificazione elettronica
Conferenza Stampa di presentazione del Regolamento europeo 910/2014

 
Domenica 5 Giugno 2016
ore 9.00
ANMIL
Viale Bonopera 45
Senigallia
 
Giornata del Mutilato e dell'Invalido del Lavoro
Per saperne di più

 
Sabato 14 Maggio 2016
ore 16.30
Palazzo del Duca
Sala del Trono
Piazza Duca, 1
Senigallia
 
La cultura della nascita
invito_14_05_16.pdf

 
Lunedi' 9 Maggio 2016
ore 10.00
Comune di Senigallia
Sala consiliare
Piazza Roma, 8
Senigallia
 
Festa dell'Europa
locandina_09_05_16.pdf

 
Sabato 9 Aprile 2016
ore 15
Sede PD
Senigallia
 
Assemblea dell'Unione
Comunale di Senigallia

 
Sabato 9 Aprile 2016
ore 14.30
Circolo ARCI
Alcide Cervi
Via Ponte Rio, 16
Trecastelli
 
60 anni di storia del Circolo
In apertura sara' proiettato
il documentario CASA CERVI

 
Martedi' 5 Aprile 2016
ore 11.00
Senato della Repubblica
Sala Caduti di Nassirya
Piazza Madama, 11
Roma
 
Norme per la parita' di genere
Dalla legge nazionale alle leggi elettorali regionali

 
Sabato 2 Aprile 2016
ore 10.00
Liceo Statale Enrico Medi
Viale IV Novembre, 21
Senigallia
 
Inaugurazione Aula Magna

 
Venerdi' 1 Aprile 2016
ore 17.00
Ridotto Teatro
Delle Muse
Piazza della Repubblica
Ancona
 
Quando la politica e' donna
Riflessioni sui percorsi democratici storici e futuri

 
Martedi' 15 Marzo 2016
ore 11.30
Senato della Repubblica
Sala Caduti di Nassirya
Piazza Madama, 11
Roma
 
DIARIO PUBBLICO
Le imprese a governo
femminile
presentazione del III volume di Oriana Salvucci

 
Venerdi' 26 Febbraio 2016
ore 17.00
Sala del Consiglio Comunale
Piazza Roma
Senigallia
 
Assemblea Regionale sull'Amianto
Riforme, giustizia, sviluppo: una sfida ancora aperta.
Verso un Testo Unico
invito_26_02_16.pdf

 
Venerdi' 19 Febbraio 2016
ore 19.00
Corinaldo
 
Congresso provinciale
Giovani Democratici

 
Sabato 9 Gennaio 2016
ore 19.30
Palazzo del Duca
Senigallia
 
S.E. Prosper Grech
L'obiettivo del Cardinale
La mostra e' aperta
fino al 15-02-2016

 
Domenica 20 Dicembre 2015
ore 12.00
Giardini Catalani
Senigallia
 
Presentazione delle opere di
S. Ceccarelli e E. Mazzolani
Organizzato da MUSA - Museo Urbano di Scultura dell'Adriatico

 
Domenica 6 Dicembre 2015
ore 13.00
Comitato comunale PD
frazione Scapezzano
Senigallia
 
Riunione conviviale per saluti di fine anno

 
Sabato 5 Dicembre 2015
ore 18.30
Museo Nori de'Nobili
Piazza Leopardi, 22
Trecastelli loc. Ripe
 
DEDICATO A NORI
22 artiste per Nori de' Nobili
a cura di Maria Jannelli
locandina_05_12_15.pdf

 
Venerdi' 4 Dicembre 2015
ore 11.00
Chiesa S. Maria Assunta
Senigallia
 
Festivita' di Santa Barbara

 
Giovedi' 3 Dicembre 2015
ore 20.00
PD - Circolo Leopardi
Falconara Marittima
 
Il futuro ci unisce
Appuntamento conviviale del PD

 
Giovedi' 3 Dicembre 2015
ore 15.00
Senato - Sala Koch
Piazza San Luigi dei Francesi, 9
Roma
 
Costruire il nuovo Senato
Programma_03_12_15.pdf

 
Domenica 29 Novembre 2015
ore 12.00
Centro Sociale Sant'Angelo
Senigallia
 
Festa del Tesseramento

 
Venerdi' 27 Novembre 2015
ore 17.00
Sede regionale CNA
Via Totti, 4
Ancona
 
Riunione della
Direzione regionale PD

 
Giovedi' 26 Novembre 2015
ore 10.00
Senato della Repubblica
Sala Zuccari
Via della Dogana Vecchia, 22
Roma
 
Le periferie urbane
Convegno promosso dal Gruppo PD Senato

 
Mercoledi' 25 Novembre 2015
ore 14.30
Sala stampa
Camera dei Deputati
Piazza Montecitorio
Roma
 
Una Via Crucis fuori stagione
presentazione del libro di Max Fanelli

 
Giovedi' 12 Novembre 2015
ore 15.00
MIUR
Sala della Comunicazione
Viale Trastevere, 76a
Roma
 
L'educazione alla cittadinanza
ci sta a cuore
Il contributo della societa' civile alla Buona scuola

 
Sabato 31 Ottobre 2015
ore 9.30
Centro Recupero Dipendenze
San Nicola
Piticchio d'Arcevia
 
Curare la WEB dipendenza
WEB_dip.pdf

 
Venerdi' 30 Ottobre 2015
ore 20.00
Sala Rocca
IIS A. Panzini
Senigallia
 
Cibo e' salute
Cena didattica a cura dello chef
Giovanni Allegro (INT Milano)

 
Mercoledi' 28 Ottobre 2015
ore 15.00
Senato della Repubblica
Sala ISMA
Piazza Capranica, 72
Roma
 
La strada verso il disarmo nucleare
Confronto tra Parlamento,
Governo, Societa' Civile

 
Giovedi' 22 Ottobre 2015
ore 10.30
Senato della Repubblica
Sala Koch
Via San Luigi dei Francesi
Roma
 
Giovani costruttori di pace
Dalla Grande Guerra alla Grande Pace

 
Domenica 18 Ottobre 2015
ore 10.00
LOCCIONI - Sede
Via Fiume, 16
Angeli di Rosora (AN)
 
Le imprenditrici delle Marche
Sara' presente la
Presidente della Camera
Laura Boldrini
Per saperne di più

 
Sabato 19 Settembre 2015
ore 15.00
Sede PD
Via Arsilli
Senigallia
 
Assemblea
Unione Comunale PD
Discussione sull'attualita' politica

 
Venerdi' 18 Settembre 2015
ore 18.00
Hotel Cosmopolitan
via Alcide De Gasperi 2
Civitanova Marche
 
Riunione della Direzione Regionale PD

 
 
Elenco delle iniziative precedenti