N. 15 del 14 giugno 2009
 

Mi rendo conto che è passato un po' di tempo dall'ultima newsletter che ho mandato, ma il periodo di lavoro per la campagna elettorale delle europee e delle amministrative nella mia Provincia e nelle Marche, mi ha impegnato molto.
Parto dunque da qualche considerazione sull'appuntamento elettorale appena trascorso.
Il mio punto di vista è che alle elezioni europee siamo riusciti ad ottenere un risultato più che dignitoso per il Partito Democratico, dando lo stop alle velleità cesaristiche del Presidente Berlusconi.

In Italia, in un quadro di arretramento generale, tale da far sì che alcuni addirittura mettessero in discussione persino l'esistenza del Partito Democratico, abbiamo confermato che la nostra è una forza in grado di raccogliere più di un quarto dei consensi nel Paese.
Il Partito democratico è ora il partito che ha il maggior numero di voti tra tutti i partiti del centrosinistra europeo.
Certo è chiaro che si sono persi parecchi voti rispetto l'anno scorso, ma questo sta anche dentro un quadro di arretramento generale del centrosinistra in Europa.
In tempi di crisi economica internazionale, la storia testimonia che sono le forze democratiche e di sinistra a rischiare di più rispetto alle destre.

I risultati del Partito Democratico poi sono stati molto diversi dal Nord al Sud del Paese e non si può ancora fare una puntuale analisi del voto perché ci sono tanti ballottaggi importanti ancora da svolgere.
Se pensiamo alle Marche per esempio, per definire meglio il quadro generale, è bene attendere i risultati dei ballottaggi delle Province di Ascoli e Fermo. Altrettanto importante sarà poi il risultato elettorale delle città di Ascoli Piceno e di Ancona, capoluogo di Regione.
Va comunque detto che nelle Marche, al di là delle dichiarazioni/aspirazioni dei rappresentanti del Popolo della Libertà, l'alleanza di centrosinistra che oggi governa con la Regione, stacca ancora il centrodestra di sei punti, restando il primo schieramento.
Nella Provincia di Ancona si è votato poi per il rinnovo di 35 amministrazioni comunali e mi sembra di poter dire che il riscontro è stato positivo perché molti sono i comuni che hanno riconfermato governi di centrosinistra ed alcuni sono stati acquisiti per la prima volta dopo molto tempo.

A Senigallia, il Partito Democratico alle europee ottiene il 35,63% dei consensi, su una media provinciale del 32,9% e in un quadro generale delle Marche dove nella provincia di Pesaro il PD è al 34% e circa il 25% ad Ascoli, Fermo e Macerata.
Se considero il mio impegno in questa campagna, posso dire di aver fatto moltissime riunioni nel territorio, di aver partecipato a incontri importanti con tanti dirigenti nazionali che non hanno fatto mancare la loro presenza e il loro contributo alle Marche a partire da Piero Fassino con il quale, in un giorno abbiamo percorso quasi 700 chilometri, dal Sud al Nord della Regione, in modo da essere presenti da Ascoli, a San Benedetto, da Comunanza a Porto Recanati, da Ancona a Osimo e Fano.
Fassino peraltro, veniva dall'estremo Oriente, dove, come è noto, segue per l'Europa la situazione in Birmania, ed ha proseguito per il Nord Italia, mostrando ancora una volta a tutti quella sua unica, inimitabile passione politica, forza d'animo e resistenza fisica per le quali in tanti lo apprezziamo.
Di questa campagna elettorale ricordo volentieri il lavoro minuto, dai circoli ai bocciodromi. Sono convinta che questo sia un modo vero di ritrovarsi con la gente.

Per quello che riguarda invece l'impegno istituzionale al Senato, ho partecipato alla Fiera del libro di Torino, dove ho proposto e coordinato un incontro con i referenti della comunicazione istituzionale delle diverse Regioni italiane, presenti con i loro stand.
Penso infatti, che possa essere utile che sia proprio il Senato a coordinare una riflessione sull'uso e le funzioni di questo settore.

Il 5 maggio 2009 sono intervenuta in Aula dopo la tragica uccisione della ragazza afghana di 13 anni da parte di militari italiani.

Sempre in qualità di Segretario dell'Ufficio di Presidenza del Senato, ho poi partecipato a diversi incontri con le scuole e con i giovani.

Dai Minisindaci d'Italia il 18 maggio, alla giornata conclusiva delle lezioni di Costituzione - "Dalle Aule del Senato alle aule scolastiche" - il 22 maggio scorso ( TV Parlamento).

Il 26 maggio, ho poi partecipato alla Conferenza Stampa di presentazione dell'Osservatorio della Fotografia della Provincia di Roma a Palazzo Valentini frutto di una proficua collaborazione col MUSINF di Senigallia.

Sul fronte degli animali d'affezione, l'8 maggio, con Laura Bianconi, sono intervenuta ad un Convegno nazionale promosso all'interno dello Zoomark alla Fiera di Bologna. Da quella discussione è emersa l'intenzione di accelerare l'iscrizione in Commissione delle Proposte di Legge da noi presentate in tema di benessere animale. Anche a questo proposito il 19 maggio 2009 ho consegnato alla stampa un comunicato subito dopo la notizia terribile del ragazzino di Canicattì che ha seviziato e impiccato un cane facendo riprendere la scena da due minorenni complici per poi mandarla su Youtube.

Infine, sono prima firmataria di due nuove interrogazioni al Governo, una per avere chiarimenti sui Campi estivi militari di cui parla il Ministro La Russa, ed una sui molti interrogativi circa i costi e la gestione di Trenitalia dell'alta Velocità.


La documentazione testuale e audiovisiva di tutti gli interventi sempre reperibile nel sito web

eMail: newsletter@silvanaamati.it

Newsletter: n. 1 - n. 2 - n. 3 - n. 4 - n. 5 - n. 6 - n. 7 - n. 8 - n. 9 - n. 10 - n. 11 - n. 12 - n. 13 - n. 14